Archivio per Categoria slider

Distartergreen

Il Mal D’Esca nella Vite

Il Mal D’Esca è una malattia funginea della vite a cui ancora i ricercatori non riescono a dare un’origine precisa in quanto lo studio eziologico è molto complesso. Alcuni ricercatori pensano che possa essere causata da funghi come Acremonium, Phaeoacremonium, Phialophora, Fomitipora e Phaeomoniella. Questi funghi hanno la capacità di instaurarsi nel legno e di favorire la colonizzazione di altri funghi cariogeni come Stereum e Phellinus. Gli studi riguardo il mal dell’esca hanno formulato diverse ipotesi, anche perché vi sono altri funghi che determinano analoghe sintomatologie. I ricercatori concordano sulla capacità dei funghi coinvolti di entrare nella pianta attraverso le ferite e attaccando soprattutto le piante più anziane e malate., colonizzando di preferenza piante vecchie e malate.

In Italia nel 1985, dopo un periodo di forti gelate, si sono registrati numerosissimi casi di mal d’esca che hanno compromesso e lesionato i tessuti legnosi di molte viti, specialmente dei vecchi impianti. Dopo essere entrati, i funghi si moltiplicano ed invadono i tessuti legnosi, disgregandoli per via enzimatica e provocando la carie. La malattia si propaga nel vigneto, sia per azione diretta del micelio che passa dal legno infetto a quello sano, sia per trasmissione diretta mediante gli arnesi da taglio usati nelle potature.

Il Mal D’esca può essere combattuto utilizzando le Micorrize. I tecnici consigliano interventi nella fase di pianto in cui la linfa fuoriesce dai tagli di potatura ed è più soggetta alla colonizzazione di tricoderma. 

Le foglie che presentano la sintomatologia presentano un intenso contrasto cromatico giallo-rossastro, che si evidenza molto bene tra il verde intenso delle viti sane. Le foglie colpite si disseccano e possono cadere oppure rimanere attaccate ai tralci morenti.

Sintomi del Mal D’Esca sui grappoli d’uva

I grappoli possono manifestare due tipi di sintomatologie:

  • Sintomatologia tipica, con macchiettature necrotiche, a volte confluenti ed estese sugli acini. Gli acini maturano irregolarmente.
  • Sintomatologia atipica, dovuta a profonde alterazioni degli organi legnosi, quindi frequenti nelle fasi terminali della malattia. In questi casi, i grappoli sui tralci morenti si seccano rimanendo attaccati.

Sintomi sui tralci e sul legno delle viti

I tralci e il legno manifestano sintomi specifici dovuti all’insediamento di questi patogeni nel legno, specialmente nel fusto e nei cordoni permanenti. L’attacco dei patogeni determina una disgregazione dei tessuti legnosi che divengono prima necrotici e brunastri poi di colore ocraceo. I tessuti del legno assumono una consistenza spugnosa e friabile. Sui fusti delle piante più vecchie e colpite si possono formare cancri oppure spacchi longitudinali, con messa a nudo dei tessuti cariati. La pianta può morire dopo qualche anno dall’inizio dell’attacco dei patogeni.

Distartergreen

La Manutenzione del Prato in Inverno

Durante i mesi invernali il prato viene sottoposto a notevoli stress termici dovuti all’abbassamento delle temperature e alla limitata presenza di luce. La mancanza della luce durante il giorno sfavorisce la fotosintesi clorofilliana, fondamentale per l’irrobustimento del prato. In questo periodo il tappeto erboso si allunga, si dirada e riduce il suo apparato radicale. Onde evitare questi problemi, il giardiniere deve eseguire periodici trattamenti biostimolanti con concimi a base di alghe.

Un altro aspetto da non dimenticare è quello di tenere pulita la superficie del prato. Rastrellare foglie cadute e aghi di pino favorisce l’assorbimento della luce e lo scambio gassoso. I rastrelli a ragno, i soffiatori e gli aspiratori sono ottimi alleati. Il taglio del prato è un altro fattore da prendere in considerazione: in autunno e in inverno il taglio deve essere maggiore del 20% per favorire la produzione di energia da parte di quest’ultimo ma non deve mai superare i 9 cm di altezza.

A Dicembre e a Gennaio gli interventi principali si riducono alla rimozione di foglie morte e al taglio, oltre alla potatura delle piante presenti sul tappeto erboso al fine di limitare quanto più possibile le zone di ombra. In caso di nevicate, si consiglia anche di evitare di calpestare il prato per evitare di indebolirlo ulteriormente. Il modo migliore per proteggere il prato dalla neve è lasciare che questa si sciolga da sola senza eseguire alcun tipo di intervento meccanico per rimuoverla. Le macchie gialle sul prato visibili dopo lo scioglimento sono causate proprio dal calpestio e dai tentativi di rimozione della neve e del ghiaccio. Verso la metà di Febbraio è necessario tenere sotto controllo i ristagni idrici, assicurando un buon drenaggio tramite la realizzazione di piccoli fori volti a rendere più rapido l’assorbimento dell’acqua da parte del terreno. Qualora il drenaggio non fosse sufficiente, il prato rischierà di soffocare e si formeranno ingiallimenti, muffe e muschi sulla sua superficie. 

Un altro grande nemico del prato in inverno è il sale antighiaccio che si utilizza sui marciapiedi e nei camminamenti. Se per sbaglio finisce sul prato provoca danni irreparabili.

Distartergreen

Triko K: l’azione delle Micorrize sul prato

Le Micorrizze, distribuite nel terreno, sono in grado di legare i propri miceli alle radici delle piante, incrementando l’assorbimento di nutrienti dal terreno ed evitando la formazione di macchie sul tappeto erboso dovute alla presenza di malattie funginee. I tappeti erbosi soffrono il caldo intenso tanto quanto il gelo invernale e i ristagni d’acqua autunnali. Le Micorrize fungono da termoregolatore facendo sì che il prato e le piante che vi crescono sopra siano più resistenti agli stress termici e alle malattie. In particolare il prato cresce con maggiore elasticità e resistenza al calpestio, con un colore più brillante e uniforme, mentre i frutti hanno un colore e un sapore più intenso e le piante si presentano visibilmente più sane.

Starter Green ha presentato su Telerimini Triko K, il concime per i prati più utilizzato dai giardinieri della zona riminese e cesenate per la cura di grandi superfici di tappeti erbosi, come campi da gioco, stadi e giardini, che devono sempre apparire in condizioni ottimali, essere resistenti al calpestio e non necessitare di eccessiva manutenzione. Un concime a base di Micorrize come Triko K assicura al prato un aspetto compatto e sano, eliminando il rischio di contrarre malattie dal terreno.

Una scelta ad hoc per un prato perfetto è la selezione del seme. La scelta è ampia e specifica per ogni soluzione:

Linea Blue Top

Blue Top Landscape: è il seme più indicato per la creazione di un prato ex novo. Resiste agli ambienti difficili, al calpestio e alla presenza di animali domestici.

Blue Top Overseeding: il seme studiato appositamente per l’inerbimento veloce di un prato già esistente e rovinato dal tempo e dalle condizioni metereologiche. Conferisce al prato un aspetto compatto e un colore uniforme.

-Green Stadio

Green Stadio è il prato più scelto dai giardinieri che si occupano della realizzazione di campi sportivi, in particolare campi da calcio e campi da rugby, aree verdi e parchi giochi.

Vuoi conoscere di più sui prodotti Starter Green?

Contattaci al 348 583 6625

Distartergreen

I Fantastici 4 Alleati del Prato

Siamo arrivati anche quest’anno al mese di Settembre e i tappeti erbosi stanno crescendo a pieno regime. La maggior parte dei prati supera con difficoltà il mese di Agosto a causa delle alte temperature e arriva all’autunno diradata in alcuni punti. Il miscuglio di semi per il prato Blue Top Overseeding è stato studiato proprio per le risemine nelle zone più danneggiate. La sua crescita è rapida e il colore si uniforma al prato già presente, creando un effetto di robustezza e compattezza anche alla vista dei giardinieri più esperti. Maggiori Info su Blue Top Overseeding?
http://www.startergreen.it/prodotto/blue-top-overseeding/

Vuoi scoprire i 4 alleati dei giardinieri che da anni scelgono Starter Green? Allora ricorda questi nomi: Turf Plus, Turf Perfect, Turf 4 e Triko K Prati.

La concimazione dei prati a Settembre va effettuata sia nel caso in cui il prato presenti delle problematiche sia nel caso in cui il prato è sano.
Una concimazione mirata con tutti gli elementi nutritivi necessari rende il manto erboso più resistente alle malattie e alle infestazioni da parte di erbe indesiderate. 

Quali sono le caratteristiche dei migliori alleati per un prato sano?

Il fertilizzante per tappeti erbosi Turf Plus contiene un’elevata presenza organica ed è composto da sfere nutrizionali di origine vegetale. Il composto di Turf Plus si caratterizza per l’aumento delle resistenze ad agenti patogeni e ai funghi del prato, per l’incremento flora microbica utile, per l’incremento dell’apparato radicale dell’erba (in quanto fitostimolante), per la riduzione di perdite e per lisciviazione degli elementi nutritivi.

Turf 4 dispone dei tre elementi fondamentali per la nutrizione: l’Azoto determina il vigore vegetativo, fondamentale per una lenta cessione, il Fosforo rafforza l’apparato radicale del manto erboso mentre il potassio dona rubustezza e vigore al prato e lo protegge dalle malattie e dai funghi. Oltre a questi elementi nutritivi, Starter Green Turf 4 apporta magnesio, zolfo e microelementi utili al terreno.

Il concime per il mantenimento veloce ed efficace di un prato che deve essere sempre perfetto e sano è Turf Perfect, il cui punto di forza sta nella presenza di un inibitore della nitrificazione che permette lenta cessione dell’azoto nel terreno. La lenta cessione consente di fertilizzare con meno frequenza il prato, assicurandogli allo stesso tempo una concimazione adeguata per prepararsi al periodo invernale e crescere folto durante l’autunno.
L’autunno è anche il periodo ideale per iniziare un trattamento di  preventivo contro le malattie funginee del prato che possono colpire tutto l’anno.
Oggi è possibile creare una vera e propria barriera naturale, utilizzando dei prodotti basati su microrganismi antagonisti che vanno somministrati nel prato con regolarità e costanza.
Un esempio di prodotti a base di questi potenti microrganismi sono i concentrati di trichoderma. Triko K Prati è un prodotto efficace sia prima della semina sia quando il prato è ormai cresciuto e compatto. Apprezzato dai giardinieri, soprattutto nel territorio Romagnolo, è stato anche prodotto sponsor su Telerimini in quanto utilizzato moltissimo dagli specialisti di tappeti erbosi per campi sportivi e stadi nella zona del riminese.

Distartergreen

I molteplici utilizzi della Leonardite

Hai un terreno povero di sostanze nutritive? La risposta è SI, se le tue piante faticano a radicare e non seguono un normale sviluppo della fase vegetativa. Se pensi di averle provate tutte per migliorare le caratteristiche del tuo terreno, forse non hai ancora provato Starter Green Leonardite.

Non tutti lo sanno, ma la Leonardite può essere utilizzata sia per la preparazione dei terreni in cui verranno posti nuovi impianti di alberi da frutto, come kiwi e peschi, sia per la preparazione di terreni in cui verrà seminato un nuovo prato. La Leonardite infatti assicura una migliore radicazione ed un mantenimento più compatto della vegetazione grazie alla sua capacità di migliorare il regime idrico dei terreni, con un aumento di ritenzione in quelli sabbiosi e una struttura più forte in quelli argillosi, permettendo l’eliminazione di acqua in eccesso, ed evitando così che si formino pericolosi ristagni che possono dare vita a malattie funginee. La Leonardite è indicata anche per essere utilizzata nei vivai, oltre che dai giardinieri e dagli agricoltori, come substrato per la coltivazione in contenitori. Può essere distribuita in diversi momenti:

  • Prima della semina o della messa a dimora di nuovi impianti
  • Durante la ripresa vegetativa delle coltivazioni arboree
  • Miscelata alla torba per creare un substrato per le coltivazioni in contenitore

Quali sono le dosi di impiego?

Coltivazione in serra: utilizzare prima della semina del terreno, sia per la semina sia per il trapianto. La dose è di 25-30kg/1000 mq

Coltivazione in pieno campo: utilizzare prima della semina del terreno, sia per la semina sia per il trapianto. La dose è di 300-400kg/Ha

Per la semina di tappeti erbosi e campi sportivi: utilizzare prima della semina, 30g/m

Il mese di Settembre è il migliore per acquistare Starter Green Leonardite, approfittando della promozione 11 sacchi da 25kg + 1 sacco omaggio!

Per informazioni contattaci al 348 583 6625



Distartergreen

Starter Green in TV! Sponsor di Telerimini, ringrazia per il suo successo la linea prati Blue Top e Triko K

Se anche tu sei un giardiniere che vuole sempre superare le aspettative dei clienti, affidati a Starter Green per la scelta dei semi da prato, dei concimi a lenta cessione e liquidi per un risultato ottimale. Se anche tu vuoi essere ricordato per essere tra i migliori giardinieri specializzati nei tappeti erbosi della tua provincia, prova la linea BLUE TOP con le promo che abbiamo in mente questo mese!
Se non lo conosci, ti presentiamo…

Blue Top Overseeding: il migliore seme per la rigenerazione: veloce, compatto, ideale per rinvigorire le zone più rovinate del pratoQUESTO MESE PUOI SCEGLIERE TRA DUE PROMOZIONI CHIAMANDO STARTER GREEN AL  348 583 6625:BLUE TOP OVERSEEDING 10 SACCHI DI PRATO DA 10KG CON 1 OMAGGIO: 25KG DI ANTIMUSCHIOBLUE TOP OVERSEEDING 10 SACCHI DI PRATO DA 10KG + 1 SACCO OMAGGIOSe anche tu vuoi essere ricontattato dai tuoi clienti per la manutenzione periodica dei tappeti erbosi, prova anche TRIKO K Prati, un concime liquido a base di Trikoderma, prodotto lancio Starter Green 2019 già richiesto per la cura dei tappeti erbosi dei campi sportivi e degli stadi dell’Emilia Romagna.
Ecco lo spot dedicato a Triko K di Starter Green, in onda su Telerimini:   https://www.youtube.com/watch?v=txwXZDGcj0E&feature=youtu.be&fbclid=IwAR0cEeudVF5Jb7oJGFP3qzV11MhtcdaJ0joRuRkt6Ihh4zDpbQJ0WUc2C1U

Grazie alla passione per il giardinaggio professionale, per la cura appassionata dei campi sportivi e all’amore per lo sport, in particolare per il calcio, qualche giorno fa Alessandro Paganini di Starter Green è stato invitato come commentatore calcistico su Telerimini. Clicca qui per vedere la replica di Calcio di Rigore https://www.youtube.com/watch?v=wmXfJ8Qjv4I&feature=youtu.be&fbclid=IwAR0NAy_usEIIpCRZyIiYmAKaWBHsVg00Wh7vXcO5T4Jzl99U9EPvxyPufBc

Distartergreen

Starter Green sponsor Rete 8 VGA Telerimini

Starter Green su Rete 8 VGA Telerimini (canale 86) si presenta al pubblico televisivo e ai suoi clienti come azienda leader nella cura del terreno da gioco. Da anni Starter Green si occupa della cura e della manutenzione di campi sportivi, fornendo ai suoi clienti sementi per il prato e concimi adatti al calpestio, compatti, dal colore uniforme e rapidi nella crescita.

Green Stadio è il prodotto top di gamma della linea dedicata alla semina di prato negli stadi, Blue Top Overseeding è il seme alleato specifico per la rigenerazione di questi ultimi. Per la manutenzione, Starter Green consiglia Turf Plus, un concime a lenta cessione studiato ad hoc per la cura del prato.

Per maggiori informazioni contattare Starter Green al 348 583 6625

Disemi

CAMPO CALCIO

PIPPO

POPPI

 

Disemi

GIARDINO

GSRGFHIRSDOHG